Dossiers > Patrick Vallat, presidente del Numes Vaud: la mia storia

Dettagli articolo:

  • 13th October 2015 - 12:14 UTC
Membri del Numes

Patrick Vallat, presidente del Numes Vaud: la mia storia

Essendo stato esperto in progetti umanitari e dovendo viaggiare molto spesso all’estero, ho potuto constatare a partire dalla primavera del 1986, in occasione della mia prima missione, che la Svizzera non poteva essere il centro del mondo e che doveva darsi da fare per partecipare agli scambi internazionali per garantirsi la sopravvivenza economica. L’adesione allo Spazio economico europeo era per me una prospettiva evidente anche se all’epoca avevo ancora delle incertezze in merito. Posso essere fiero di essere un militante della prima ora. Facente parte di una famiglia molto diversificata nelle sue origini (tedesca, francese, danese, italiana e… svizzera), ho preso coscienza già in gioventù dell’importanza di comunicare e capirsi, e quindi di arrivare a comprendere la cultura dell’altro senza perdere la propria. Ciò mi ha indotto a sposarmi il week-end del voto sullo Spazio economico europeo(6 dicembre 1992), convinto che avremmo potuto proseguire con i festeggiamenti con il risultato tanto atteso, ciò che però non fu il caso…

 

Non ci sono commenti

Your email will not be published
Cancel reply