Comunicati di stampa

06.05.2017 – Numes continua ad impegnarsi a favore delle libertà europee

Oggi l’ASNI ha deciso di lanciare un’iniziativa di abrogazione della libera circolazione delle persone. Numes è pronto a difendere le libertà dei cittadini in questo paese e degli svizzeri che vivono in Europa.

Parecchie centinaia di migliaia di cittadini svizzeri vivono e lavorano in Europa. La fine della libera circolazione delle persone significherebbe non solo il dover rimettere in questione la loro stessa esistenza, ma anche il benessere di tutta la Svizzera. La fine della libera circolazione delle persone metterebbe in pericolo gli accordi bilaterali e avrebbe delle conseguenze gravi soprattutto per quel che riguarda la ricerca, la prosperità e l’economia del nostro paese. «Numes condurrà una campagna attiva contro quest’iniziativa pericolosa per il futuro europeo della Svizzera», ha dichiarato il consigliere nazionale e copresidente di Numes Martin Naef.